Rassegna stampa

Gazale: "Il mio canto per Sassari"

L´Unione Sarda

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
di Giampiero Marras
Il bene che trionfa sul male, il pensiero che si libra sulle “ali dorate”, la rinascita. Un baritono da Opera Award (l'Oscar della lirica) e il “Nabucco” di Verdi per ripartire con la grande musica. Nel salotto buono della città che più di tutte ha patito durante la fase acuta del Covid-19. Alberto Gazale nella sua Sassari apre oggi in piazza d'Italia con un concerto lirico-sinfonico la stagione numero 77 organizzata dall'ente lirico Marialisa De Carolis. In cartellone anche brani di Mascagni, Rossini e Silesu, con Sergio Oliva a dirigere l'orchestra dell'ente. Gazale ringrazia: «Sono onorato che la mia città mi abbia scelto per questo concerto che rappresenta un segno importante di speranza». Sulla scena da 23 anni, si è perfezionato con Carlo Bergonzi. Ha debuttato al Regio di Parma in Germont de “La Traviata” e grazie al Lirico di Cagliari ha esordito a Tokyo. Da allora ha macinato una settantina di ruoli nei grandi teatri del mondo. Diretto da Muti, Metha, Oren e Chailly, il baritono sassarese è considerato uno dei migliori interpreti verdiani. L'ultima apparizione per la stagione del De Carolis risale al 2007: la “Luisa Miller” col tenore portotorrese Francesco Demuro. Com'è stato il lockdown? «Durissimo per noi lavoratori dello spettacolo dal vivo. Siamo stati umiliati dalla poca attenzione nei nostri riguardi». La lirica è legata a un pubblico che invecchia o può avere un futuro? «Bisogna creare le basi nelle nuove generazioni inserendo la musica e la storia della musica già nelle scuole elementari. Oggi l'ora di musica è vista come materia di riposo rispetto alle altre. Ci vogliono anche bravi insegnanti che facciano innamorare i ragazzi. Purtroppo il primato della lirica noi italiani ce lo stiamo facendo soffiare. Non pagano opere brevi o scelte registiche particolari, quanto saperla diffondere anche in maniera diversa». Un esempio? «Abbiamo proposto a Roma la “Tosca” su un battello che solcava il Tevere e ci hanno seguito migliaia di persone, non solo gli appassionati». Tra Verdi, Rossini, Puccini e Donizetti, qual è il compositore più vicino ai giovani? «Nell'intermezzo della “Manon Lescaut” di Puccini c'è tutta la musica del '900, ci sono Rota e Morricone, tutti sono passati attraverso quell'armonia nuova e pregna di italianità, un misto di ricerca e armonia riconoscibile nella musica che è venuta nei decenni dopo. Il Romanticismo invece fa meno presa». Quali sono i Paesi che più si entusiasmano alla lirica? «Sono tanti. Sono stato nel cast che ha portato l'opera in Malesia, a Kuala Lumpur, a prevalenza islamica ed abbiamo avuto grande riscontro. La nostra musica crea ponti che vanno oltre la politica».

L'opera

Concerto lirico-sinfonico

La Stagione lirica 2020 si apre con un evento inedito in città: un Concerto lirico-sinfonico in piazza d'Italia, che segna il ritorno della lirica a Sassari nel post lockdown dovuto...

Articoli