Chi siamo

Ente Concerti "Marialisa De Carolis" - Teatro di Tradizione

Nella storia musicale della Sassari del primo Novecento fra le istituzioni che hanno maggiormente contribuito alla formazione di una cultura e di una tradizione musicale possiamo citare il Liceo Musicale "Luigi Canepa" e quella Società dei Concerti che poi diverrà Ente Concerti "Marialisa De Carolis". La storia della Società dei Concerti coinciderà da un certo momento in poi con quella del Liceo Musicale, è quindi naturale ricercare qui le origini dell’attuale Ente Concerti.

Ente Concerti Marialisa de Carolis

L'Istituto Musicale viene fondato nel 1880 da Luigi Canepa. Iniziò la sua attività sotto i migliori auspici ma, le difficoltà economiche minarono la vita della scuola che nel 1890 fu chiusa. La rifondazione avviene nel 1920 e nove anni dopo assume la denominazione di Liceo Musicale "Luigi Canepa". Qualche anno più tardi, nel 1938, l'Istituto di Cultura Fascista decideva di costituire al suo interno una sezione musicale, affidando l'incarico ad un musicofilo e musicista sassarese, l'Avv. Giuseppe Abozzi. Si inserisce in questo contesto la figura della ventiseienne Marialisa De Carolis, che arriva a Sassari vincitrice del Concorso per la Direzione del Liceo Musicale e per l’insegnamento del pianoforte. Nata a Roma nel 1912 aveva studiato, presso il Conservatorio di S. Cecilia, pianoforte sotto la guida di G. Cristiani e, dopo il diploma si era perfezionata con Alfredo Casella per il pianoforte e con Alessandro Bustini per la composizione. Trasferitasi a Sassari sposa Francesco Pilo e dedica alla città la sua opera di organizzatrice, culminata nel 1942 nella fondazione della Società dei Concerti intitolata prima a Luigi Canepa e poi ad Alfredo Casella. L'opera della de Carolis appare tanto più significativa se si considera come si presentava la vita musicale della città alla fine degli anni '30.

Da una parte il teatro musicale col suo pubblico numerosissimo ed esigente, dall'altra la musica strumentale e cameristica che stentavano a trovare una collocazione che non fosse quella salottiera e aristocratica. La collaborazione fra il Liceo Musicale e la Società dei Concerti viene meno nel 1947. D'ora in poi l'organizzazione delle manifestazioni concertistiche sarà totalmente a carico della Società dei Concerti con la quale collaboreranno l'Associazione della Stampa e l'Ente per il Turismo. Nel 1948 la Società dei Concerti, che prendeva il nome da Luigi Canepa, viene intitolata a Casella, in onore del compositore scomparso il 5 marzo dell'anno precedente. Sempre nel '48 si costituisce la Filarmonica Sassarese, fondata da professionisti, commercianti e dall’allora sindaco Pieroni, che si pone in concorrenza con la Società Casella. Ma ebbe vita breve. Il 15 gennaio del 1950 la Società Casella incorpora la Filarmonica e muta la propria denominazione in Ente Concerti. Direttore artistico viene nominato, per un periodo di dieci anni, Marialisa de Carolis. Ad indicare la fusione delle società fu la Direzione Generale dello Spettacolo, in modo da favorire l'accesso alle sovvenzioni statali.

Ente Concerti Marialisa de Carolis

Nel 1952 alla consueta stagione concertistica si affianca quello che è l'avvenimento di maggior rilievo per l'Ente Concerti cioè l'organizzazione della sua prima Stagione Lirica, dopo che la Direzione Generale dello Spettacolo aveva stanziato la somma di quattro milioni per un totale di otto recite. Proprio durante lo svolgimento della Stagione si spegneva Marialisa de Carolis.

La Direzione Artistica passò nelle mani di Nino Bonavolontà che fu così il primo successore della de Carolis. Nel 1967 il Ministro del Turismo e Spettacolo Corona fa approvare una legge che riordina tutte le attività musicali. Viene attestato il carattere pubblicistico del settore musicale e, vista l'impossibilità per l'imprenditore di trovare margini di guadagno dai soli proventi della biglietteria a causa dei crescenti costi dell'opera, la legge individua la figura dell'imprenditore pubblico finanziato dalla collettività. Nell'art. 28 fra quelli che vengono definiti "Teatri di Tradizione" viene inserito anche l'Ente Concerti, che viene così riconosciuto come depositario della lunga tradizione del Teatro musicale sassarese.

Ente Concerti Marialisa de Carolis

A conferma di ciò nel 1975 l'Ente Concerti viene premiato, su segnalazione del Ministero del Turismo e Spettacolo e dell'AGIS, con un diploma di benemerenza "per la meritoria attività volta alla diffusione e valorizzazione dell’arte e della cultura musicale".
La Direzione Artistica di Nino Bonavolontà intanto è ormai agli sgoccioli (il suo mandato finirà nel '78) e il nuovo C.d.A. gli affianca un comitato artistico di cui fanno parte, tra gli altri, il Direttore del Conservatorio Ernesto Gordini, il prof. Pietro Sassu e il dott. Aldo Cesaraccio. È su proposta del comitato che nascono gli "Incontri con l'Opera", presentazioni al pubblico delle opere con la partecipazione dei direttori d'orchestra e dei registi. Tradizione ripresa negli ultimi anni a cui si è aggiunta, grazie all'attuale direttore artistico, la presenza di critici musicali e musicologi di alto livello.
Finito il mandato di Nino Bonavolontà viene affidata la Direzione Artistica ad Alberto Peyretti, direttore d'orchestra che la mantiene per ben quindici anni, consolidando quella tradizione per il teatro musicale ormai fortemente radicata a Sassari. Nel 1995 è Elisabetta Maschio, anch'essa direttore d’orchestra, a subentrare ad Alberto Peyretti nella Direzione Artistica dell'Ente Concerti. Il suo mandato è breve, dura infatti soltanto tre anni, al termine dei quali, dal 1998 viene nominato Direttore Artistico Marco Spada, romano critico musicale e musicologo, al quale spetta il compito di gestire il nuovo corso dell'Ente alla luce della trasformazione dell'assetto istituzionale dei teatri di tradizione nel passaggio del secolo, rinnovando radicalmente il repertorio e aprendo il teatro a collaborazioni con altri enti culturali e ai mezzi di informazione.

Dal 2017 la direzione artistica passa al compositore sassarese Stefano Garau, allievo di Antonio Costa, Alberto Peyretti e Bruno Tommaso, primo sardo a ricoprire questo prestigioso incarico.

Staff

Presidente

Alessandro Bisail

Direttore Artistico

Stefano Garau

Vice Presidente

Antonello Mattone

Consiglieri

Angelo Angioni
Michele Malanga
Salvatore Marras
Sergio Ticca
Giuseppe Bassu

Collegio Sindacale

Carlo Sardara (Presidente)
Giuseppe Carlo Sanna
Pietro Scudino
Susanna Tassu (Supplente)
Alessandro Idini (Supplente)

Ufficio

Donatella Cossiga
Cristiana Sanna

Direttore degli Allestimenti

Luigi Marinacci

Direttore di Produzione

Donatella Dimarco

Direttore di Scena

Caterina Denti

Collaboratore di Scena

Alain Lepore

Coordinamento Ausiliari e Acquisti

Fabrizio Russo

Direttore Musicale di Palcoscenico

Andrea Solinas

Maestri Collaboratori

Federico Brunello
Inseon Lee
Luisella Loriga
Mari Miura

Archivio

Antonella Chironi

Ispettore dell'Orchestra

Fabio Manconi

Maestro ai Sopratitoli

Paola Cossu

Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni

Aldo Muzzo

Trasparenza

Documentazione ai sensi dell'art.9, comma 2 e 3, Decreto-Legge 8 agosto 2013 n.91 (Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attivita' culturali e del turismo).