Eventi

Il concerto sinfonico del 14 dicembre chiude la stagione dell´Ente concerti

di Andrea Bazzoni

In programma al Verdi musiche di Nino Rota, Ottorino Respighi e Giacomo Puccini.

Sarà il concerto sinfonico del 14 dicembre alle ore 20,30, a chiudere la stagione concertistica dell´Ente concerti Marialisa de Carolis di Sassari. Anche in questa occasione l´Ente concerti renderà omaggio a Nino Rota, nel centenario della sua nascita, con musiche del compositore milanese, quindi di Ottorino Respighi e Giacomo Puccini.

La celebrità di Nino Rota (Milano, 3 dicembre 1911 – Roma, 10 aprile 1979) è legata alla collaborazione che il compositore instaurò con Federico Fellini e per il quale scrisse le colonne sonore di quasi tutti i film. A partire dagli anni Cinquanta infatti con la scrittura della colonna sonora del film Lo sceicco bianco tra i due artisti si instaurò un´amicizia lunga trent´anni e una stretta e profonda collaborazione.

Nel 1972 compose le musiche del film Il padrino. Due anni dopo vinse l´Oscar alla migliore colonna sonora con le musiche del film Il padrino - Parte II. Nel 1977 ricevette il David di Donatello come miglior musicista per il film Il Casanova di Federico Fellini. Dall´inizio della sua carriera come compositore di colonne sonore però non smise mai di comporre musica per orchestra, da camera e vocale, oltre a numerose opere liriche (la più celebre delle quali è sicuramente "Il cappello di paglia di Firenze"). A Sassari, di recente, il pubblico ha potuto assistere al dittico portato in scena al Verdi, per la regia di Marco Spada, ´I due timidi´ e ´La notte di un nevrastenico´, due &lquote;radiodrammi&rquote; – perché realizzati appunto per la radio –, il primo su libretto di Suso Cecchi d´Amico, scomparsa lo scorso anno, e il secondo su libretto di Riccardo Bacchelli (1891-1985), segnalato nel 1949 il primo e vincitore nel 1959 il secondo al Prix Italia.

Il compositore morì poco dopo la fine delle registrazioni della sua ultima colonna sonora per Fellini, Prova d´orchestra.

In occasione del concerto del 14 dicembre l´Ente concerti proporrà musiche di Nino Rota tratte da due principali film che lo videro collaborare con Fellini e Visconti: La strada e Il Gattopardo.

Nel programma anche due autori particolarmente vicini a Rota, Respighi e Puccini.

Con Ottorino Respighi (1879 – 1936) veniamo a contatto con la cosiddetta ´Generazione dell´Ottanta´, ossia quel gruppo di compositori nati intorno agli anni Ottanta dell´Ottocento, e ai quali si deve il rinnovamento della musica italiana nel XX secolo e il suo attestarsi su posizioni europee: Franco Alfano, Ildebrando Pizzetti, Gian Francesco Malipiero, Alfredo Casella e appunto Respighi. La fama di quest´ultimo è soprattutto legata al trittico sinfonico ispirato alla città di Roma, Fontane di Roma, Pini di Roma e Feste di Roma, begli esempi di un poema sinfonico descrittivo, indubbiamente innovativo nella musica italiana. Grande maestro dell´orchestrazione - tra il 1900 e il 1903 seguì in Russia le lezioni di Rimsky-Korsakov - Respighi ricorse spesso alla pratica della trascrizione, non solo di musica italiana, del XVI e XVII secolo, periodo per il quale mostrò sempre un fortissimo interesse.

Durante il concerto sarà suonata la Suite n. 3 da Antiche danze e arie, tre Suite di quattro movimenti ciascuna, che testimoniano ancora una volta la passione di Respighi per la musica del passato.

Di Giacomo Puccini (1858 – 1924) invece sarà possibile ascoltare Crisantemi, per orchestra d´archi, l´elegia che il grande compositore scrisse in occasione della morte di Amedeo di Savoia, duca d´Aosta, figlio del primo re d´Italia Vittorio Emanuele II, e per un breve periodo re di Spagna (1871-1873), avvenuta il 18 gennaio 1890. Quindi ancora in programma dal Manon Lescaut Preludio Atto II e Intermezzo.
A dirigere l´orchestra dell´Ente concerti è stato chiamato a Sassari il trentenne Gaetano D´Espinosa, tra le giovani leve italiane emergenti.
Esperto direttore a livello internazionale, D´Espinosa dal 2001 al 2008 è stato Konzertmeister della Staatskapelle di Dresda eseguendo come solista il suo ´Concerto per violino ed orchestra d´archi´ sotto la direzione di Christian Arming. Nello stesso periodo ha debuttato come direttore d´orchestra alla Konzerthaus di Berlino ed è diventato assistente di Fabio Luisi a Vienna e al Pacific Music Festival di Sapporo. Nel maggio 2010 ha debuttato alla SemperOper di Dresda con La Traviata, ha diretto inoltre la Philharmonia di Praga, la Filarmonica di Poznan, le Orchestre da camera di Dresda e Berlino, la Brandenburgisches Staatsorchester, la Thüringen-Philharmonie e la Kremerata Baltica. Si è esibito in due delle massime sale da concerto di Spagna, il Palau della Musica di Barcellona e l´Auditorium Nazionale di Madrid. Ha collaborato come direttore d´orchestra con solisti quali Steven Isserlis, Gidon Kremer, Gary Hoffman, Annick Massis e come camerista con Jörg Demus, Malcolm Bilson e Peter Bruns. Recentemente ha diretto due recite di Pagliacci al Carlo Felice di Genova. Ha debuttato al Teatro la Fenice di Venezia, a Palermo sia con l´Orchestra Sinfonica Siciliana, che con l´Orchestra del Teatro Massimo e al Festival di Spoleto con l´Orchestra Verdi di Milano. Prossimamente sarà in Giappone con la Osaka Century Orchestra, la Gunma Symphony e l´Orchestra Sinfonica della NHK a Tokyo, andrà in tournée europee con l´Orchestra da camera di Dresda e la Philharmonia di Praga. Debutterà con due nuove produzioni all´Opera di Graz, dirigendo Otello e Maria Stuarda e dirigerà concerti a Praga, Trieste, Venezia, Genova e Varsavia.

L'opera

Concerto Sinfonico

Musiche di Nino Rota, Giacomo Puccini e Ottorino Respighi

Articoli