Rassegna stampa

´Nabucco´ chiude la stagione lirica

La Nuova Sardegna

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
Stasera al Teatro Comunale di Sassari l´opera che segnò l´inizio della carriera di Giuseppe Verdi


di Antonio Ligios Con il Nabucco di Giuseppe Verdi, la cui prima recita è in programma questa sera al Teatro Comunale (ore 20.30), si chiude la parte teatrale della stagione lirica dell´Ente De Carolis, la prima allestita nella nuova struttura. Dopo le due recite dell´opera verdiana (la seconda è prevista domenica 9 alle ore 16.30), il sipario calerà definitivamente sulla stagione di quest´anno con il terzo dei tre concerti sinfonici, che avrà luogo martedì 11 e che prevede l´esecuzione di musiche di Beethoven (Sinfonia n. 1) e di Schubert (Sinfonia n. 9 detta "La Grande"). Nabucco, opera divenuta celebre anche presso il grande pubblico per il suo coro ´patriottico´ ´ Va´ pensiero´, segna la fine del periodo di apprendistato di Verdi e l´inizio della sua sfolgorante carriera, che nel giro di pochi anni portò il compositore ad affermarsi nelle principali piazze teatrali italiane ed europee. La prima dell´opera, composta su libretto di Temistocle Solera, avvenne alla Scala nel 1842, subito dopo il fiasco della seconda opera verdiana, ´Un giorno di regno´. Il melodramma venne tenuto in programmazione, quell´anno, per ben settantacinque recite, ed iniziò a circolare nei teatri, sia in quelli importanti ma anche in quelli di provincia: nel 1843, per fare un esempio, risulta già allestito nel Teatro comunale di Cagliari, mentre a Sassari arriverà nel 1846. L´ultimo allestimento sassarese dell´opera risale ormai al 1995. Oggi il Nabucco ritorna grazie ad una coproduzione che il De Carolis ha realizzato con la Fondazione Teatro lirico di Cagliari, dove l´opera è già andata in scena alla fine del mese di settembre. Lo spettacolo, diretto da Gaetano D´Espinosa, si avvale della regia di Leo Muscato, dell´impianto scenico di Tiziano Santi, dei costumi di Silvia Aymonino e del disegno luci di Alessandro Verazzi. Nel ruolo del protagonista canterà Ivan Inverardi, che fu Jago nell´Otello sassarese del 2002, il quale avrà accanto il giovane tenore Alessandro Liberatore (Ismaele), il basso tedesco Andreas Bauer, che debutta nel ruolo di Zaccaria, il soprano Raffaella Angeletti (Abigaille) e Lara Rotili (Fenena). Il cast vocale è completato da Dario Russo nella parte del Gran Sacerdote di Belo, Andrea Giovannini in quello di Abdallo e la giovane Vittoria Lai (Anna): tutte voci che hanno già cantato in altre opere della stagione di quest´anno. Coro e orchestra sono quelli del De Carolis: a preparare il coro è stato chiamato ancora una volta Antonio Costa.

L'opera

Nabucco

Il Nabucco (Nabucodonosor) è la terza opera di Verdi e quella che lo consacrò definitivamente come un grande compositore. Messa in scena alla Scala di Milano nel 1842, racconta della...

Articoli