Rassegna stampa

A Sassari il Nabucco prodotto col Lirico

L´Unione Sarda

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
Ecco il ´Nabucco´ che collega i due poli lirici della Sardegna. Stasera alle 20,30 il Teatro Comunale di Sassari ospita l´opera di Giuseppe Verdi, co-produzione tra l´ente concerti Marialisa de Carolis e la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari. L´allestimento, pur adattato al palco sassarese, è lo stesso proposto due mesi fa a Cagliari: Leo Muscato cura la regia, Tiziano Santi le scene, Silvia Aymonino i costumi e Alessandro Verazzi le luci. Diversi invece il direttore d´orchestra (Gaetano d´Espinosa ha ottenuto recentemente successo con l´Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma) e i cantanti. Anche se sono sopravvissuti due protagonisti dell´edizione cagliaritana: il baritono Ivan Inverardi ha interpretato Nabucodonosor nel secondo cast; il tenore Alessandro Liberatore è stato invece apprezzato nel ruolo di Ismaele nel primo cast.
Debutto sassarese per il basso tedesco Andreas Bauerche, che sarà Zaccaria, il soprano torinese Raffaella Angeletti sostituisce Tiziana Caruso nel ruolo di Abigaille. Quindi quattro artisti già visti nelle opere della stagione di quest´anno: il mezzosoprano Lara Rotili è Fenena, figlia di Nabucco; il basso Dario Russo è il gran sacerdote di Belo, il tenore Andrea Giovannini interpreta Abdallo e la giovane Vittoria Lai è Anna.
Il coro, che in quest´opera ha particolare rilevanza (non a caso ´Va pensiero´ è la hit dell´opera) è quello dell´ente Marialisa de Carolis e sarà diretto da Antonio Costa.
Giampiero Marras

L'opera

Nabucco

Il Nabucco (Nabucodonosor) è la terza opera di Verdi e quella che lo consacrò definitivamente come un grande compositore. Messa in scena alla Scala di Milano nel 1842, racconta della...

Articoli