Rassegna stampa

La stagione lirica del De Carolis apre con ´Falstaff´

La Nuova Sardegna

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
Stasera inaugurazione al Teatro Comunale di Sassari Regia di Spada, a dirigere l´orchestra Matteo Beltrami

SASSARI Sarà l´ultima opera scritta da Giuseppe Verdi – di cui quest´anno ricorre com´è noto il bicentenario della nascita – ad aprire la settantesima stagione lirica del De Carolis. Questa sera, alle ore 20.30, al Comunale andrà infatti in scena ´Falstaff´, la commedia lirica in tre atti composta su libretto di Arrigo Boito tratto da ´Le allegre comari di Windsor´ di Shakespeare. Andata in scena per la prima volta 120 anni fa a Milano all´interno della stagione di Carnevale del Teatro alla Scala (era il 9 febbraio del 1893), ´Falstaff´ rappresenta il ritorno di Verdi alla commedia dopo il mezzo fiasco, nel 1840, della sua seconda opera, ´Un giorno di regno´. La proposta di Arrigo Boito di musicare dopo ´Otello´ un altro soggetto shakespeariano venne accettata da Verdi con entusiasmo, e l´opera ottenne un grande successo, forte della direzione di Edoardo Mascheroni, che proprio Verdi aveva appoggiato come direttore stabile della Scala, e dell´interpretazione di Victor Maurel, primo grande interprete del personaggio di Jago nell´´Otello´. Alla prima esecuzione erano presenti, tra le tante personalità del mondo della cultura e della musica, anche due giovani musicisti come Pietro Mascagni e Gioacchino Puccini, quest´ultimo fresco del successo di ´Manon Lescaut´. Dopo il trionfo della prima rappresentazione e l´iniziale diffusione dell´opera nei maggiori teatri, la fortuna di ´Falstaff´ subì un certo rallentamento, rientrato solo dopo il 1922, anno della celebre ripresa scaligera diretta da Arturo Toscanini, con protagonista un grande Mariano Stabile. In Sardegna Falstaff fece la sua prima comparsa a Cagliari nel 1938, e a Sassari addirittura nel 1977. Da allora il capolavoro di Verdi, sul palcoscenico sassarese, è stato allestito soltanto in un´altra stagione del De Carolis, quella del 1998, quindi anni fa. L´allestimento di questa sera è frutto di una collaborazione, attivata questa volta con il Teatro Pergolesi di Jesi, altro teatro di tradizione come il De Carolis. Scopo della sinergia è ovviamente il contenimento dei costi complessivi della produzione: nel teatro marchigiano l´opera sarà allestita con lo stesso cast nel prossimo mese di novembre. La regia è curata dal direttore artistico dell´Ente Concerti, Marco Spada, mentre la direzione è affidata al giovane direttore Matteo Beltrami, che dirige a Sassari per la prima volta. L´impianto scenico è firmato da Benito Leonori, mentre i costumi sono stati disegnati da Alessandro Ciammarughi, ormai di casa nelle stagioni sassaresi. Protagonista e debuttante nel ruolo principale è Ivan Inverardi, che è stato Nabucco nella passata stagione. Il cast è completato da Francesco Verna (Ford), Fabrizio Paesano (Fenton), Andrea Giovannini (Dr. Cajus), Roberto Jachini Virgili (Bardolfo), Carmine Monaco (Pistola), Silvia Dalla Benetta (Mrs. Alice Ford), Barbara Bargnesi (Nannetta), Romina Boscolo (Mrs. Quickly) e Lara Rotili (Mrs. Meg Page). L´orchestra come di consueto è quella formata direttamente dall´Ente, mentre il coro è quello della Corale Canepa, istruito da Luca Sirigu. Del ´Fastaff´ è prevista una sola replica, programmata in cartellone per domenica 13 alle 16.30.

L'opera

Falstaff

Nel bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi - e anche di Richard Wagner, onorato con un concerto sinfonico - l'Ente Concerti allestisce nel 2013 ben due opere del maestro di Busseto....

Articoli