Rassegna stampa

La "Traviata degli specchi"

L´Unione Sarda

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
Successo a Sassari per l´originale allestimento dell´opera verdiana

Il sipario non c´è. L´enorme specchio inclinato riflette i teli stesi come tappeti che fanno da scena e offre una visione dall´alto. Inedita. Quasi cinematografica. Alla fine la superficie riflettente viene posizionata a 90 gradi e fa ´entrare´ nella storia anche il pubblico, che veglia commosso Violetta. È la ´Traviata degli specchi´.
Il genio innovatore del boemo Josef Svoboda e la creatività del regista tedesco Henning Brockhaus hanno creato vent´anni fa una versione originale che ha colpito anche chi tra gli spettatori sassaresi ha visto diverse rappresentazioni del melodramma di Giuseppe Verdi. Nel secondo atto la scena nel palazzo di Flora è stata un´esplosione di luci e vita (moltiplicati dallo specchio) con i neri e rossi dei costumi a rievocare con efficacia il bel mondo parigino, anche se il regista ha traslato l´azione ai primi del ´900. Degna chiusura al Comunale di Sassari (tutto esaurito) per la settantesima Stagione lirica organizzata dall´ente Marialisa de Carolis con un budget limitato, ma coraggio e idee.
Buon feeling tra il direttore Francesco Lanzilotta e l´orchestra dell´ente sassarese. Il coro di casa, diretto da Antonio Costa, ha ricevuto applausi alla fine del secondo atto. Con maggiore pienezza in alcuni momenti, la prova sarebbe stata ottima. Due giovani promesse al debutto nel ruolo. La venticinquenne Francesca Dotto ha dato a Violetta sicurezza di emissione e un bellissimo timbro negli acuti. Nel finale ha saputo trasmettere emozioni anche nei pianissimi, pur non avendo la stessa brillantezza nei toni bassi. Alessandro Scotto di Luzio è stato un Alfredo credibile, anche se acerbo nelle sfumature d´espressione. Da un punto di vista vocale il più convincente in assoluto (quasi un´ovazione) è stato il basso-baritono Simone Del Savio, nel ruolo di Giorgio Germont, padre di Alfredo. Peccato per una certa rigidità gestuale.
Il cast è completato da Chiara Fracasso (Flora Bervoix), Emanuela Grassi (Annina), Matteo Desole (Gastone), Gianluca Margheri (Barone Douphol), Salvatore Grigoli (Marchese D´Obigny) e Francesco Solinas (Dottor Grevill). Oggi alle 16,30 è in programma la replica.
(Giampiero Marras)

L'opera

La traviata

La traviata, opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, è basata su La signora delle camelie, opera teatrale di Alexandre Dumas (figlio), che lo stesso autore...

Download

Articoli