Rassegna stampa

"Aida" da oggi al Comunale

La Nuova Sardegna

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram

Sarà un titolo molto atteso e molto amato dal pubblico a chiudere la stagione lirica dell´Ente De Carolis. Si tratta della terzultima opera scritta da Giuseppe Verdi, &lquote;Aida&rquote;, rappresentata per la prima volta al Cairo il 24 dicembre 1871, che ritorna a Sassari dopo ben trentasette anni di assenza. La prima recita è programmata al Comunale per questa sera alle 20.30, mentre l´unica replica è prevista per domenica 29 alle 16.30. L´allestimento che si vedrà sul palcoscenico del Comunale sarà quello pensato da Franco Zeffirelli per il teatro di Busseto, nel 2001: un´Aida dunque per niente monumentale nella sua dimensione visiva, senza quella grandiosità scenica cui ci hanno abituato molti allestimenti, ma rispettosa del dettato verdiano per ciò che concerne la natura dei sentimenti, questa sì, sempre intensa e monumentale. Un allestimento che suona volutamente ´antico´, aderente allo spirito delle origini di questo fondamentale lavoro verdiano, che approfondisce la natura dei grandi conflitti che attraversano il dramma: amorosi e di potere, di sentimento e di ragion di Stato, di vita e di morte, dunque pienamente in sintonia con una tradizione tutta verdiana di temi che però hanno contraddistinto tutta la storia del melodramma italiano del XIX secolo. Lo spettacolo, ripreso da Stefano Trespidi, si avvale della direzione di Sergio Alapont, spagnolo ma ormai di casa nel teatro sassarese, dove ha diretto negli anni passati &lquote;Il Barbiere di Siviglia&rquote;, &lquote;Norma&rquote; e &lquote;Romèo et Juliette&rquote;, e che oggi è al suo debutto in &lquote;Aida&rquote;. Il cast vocale presenta sia giovani interpreti che cantanti di provata esperienza: da Victor Garcia Sierra (Il Re) a Silvia Beltrami (Amneris), da Cellia Costea (Aida) a Dario Di Vietri (Radamès), da Abramo Rosalen (Ramfis) a Ivan Inverardi (Amonasro), per finire con Néstor Losàn (Messaggero) e Sara Rossini (Sacerdotessa). Il disegno luci è affidato a Lorenzo Caproli, mentre le coreografie a Claudio Ronda. I protagonisti del celebre ´ballabile´ nella marcia trionfale, che com´è noto la regia di Zeffirelli risolse genialmente lasciando immaginare l´imponente sfilata anziché rappresentarla esplicitamente, saranno Josè Perez, a Sassari anche nello &lquote;Schiaccianoci&rquote; due settimane or sono, e Melania Chionna. L´orchestra è come di consueto quella del De Carolis, e così pure il coro, istruito da Antonio Costa.

(Antonio Ligios)


L'opera

Aida

Aida, il dramma egizio di Giuseppe Verdi, torna nella Stagione lirica di Sassari 35 anni dopo l'ultima edizione. L'allestimento è quello classico che il regista Franco Zeffirelli aveva...

Articoli