Rassegna stampa

Acrobati e cantanti, il "Flauto" è magico

L´Unione Sarda

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
Cirque du Soleil, Marcel Marceau, il Bianconiglio con l´orologio, Walt Disney e gli oggetti che si animano (lenzuola e libri giganteschi) e cantano. La funambolica messa in scena dei registi francesi Julien Lubek e Cécile Roussat per Il flauto magico ha divertito il pubblico del Comunale di Sassari, attingendo da un immaginario visivo moderno. L´opera è in lingua originale, il tedesco, pensato per raggiungere pure il popolino, però costringe lo spettatore italiano a spostare lo sguardo fra palco e schermo in alto per la traduzione. Buono il livello del cast, anche se non omogeneo nella resa. In parte anche vocalmente il tenore turco Merto Sungu (Tamino), Barbara Bagnesi (Pamina) e il basso tedesco Manfred Hemm (ottimo timbro per Sarastro). Il soprano russo Ekaterina Lekhina è una Regina della Notte più convincente nel secondo atto, Riccardo Novaro un Papageno più brillante come attore che come cantante. Ha diretto l´orchestra il viennese Thomas Roesner.
(Giampiero Marras)

L'opera

Il flauto magico

Una fiaba avvolta dal misticismo: Il flauto magico di Mozart torna a Sassari a 16 anni di distanza dall'ultima rappresentazione, in un allestimento molto apprezzato dal pubblico e altamente...

Articoli