News

Tosca, la bellezza

tosca2-copia-2Il Comunale tutto esaurito chiedeva una degna conclusione per la Stagione dei record che ha polverizzato qualsiasi precedente: doveva essere un pieno successo e così è stato con Tosca di Giacomo Puccini che ha portato a teatro, per la prima di ieri, 1400 persone. Oltre sette minuti di applausi alla fine dell’opera, cui si somma l’ormai abituale ovazione alla fine del primo atto per il coro dell’Ente Concerti istruito da Antonio Costa, affiancato per l’occasione dalle voci bianche della corale Canepa preparate da Salvatore Rizzu. Il tributo di Sassari al capolavoro di Puccini ha scandito l’opera, con diversi applausi a scena aperta: dall’aria “Recondita armonia” al duetto del primo atto, da “Vissi d’arte” alla celeberrima “E lucevan le stelle”, per cui sono risuonate diverse richieste di bis, l’emozionata partecipazione del pubblico è rimasta palpabile per le quasi tre ore di spettacolo. Tutti i protagonisti hanno riscosso ottimo successo: dalla Floria Tosca di Donata D’Annunzio Lombardi, soprano di prima grandezza che ha scelto proprio Sassari per il debutto nel ruolo, al brillante Cavaradossi di Luciano Ganci, fino al convincente Scarpia di Elia Fabbian. Applausi anche per Bruno Praticò (anche lui al debutto come Sagrestano), Paolo Battaglia (Angelotti) e lo Spoletta di Cristiano Olivieri. Il Comunale ha trasmesso grande affetto anche per i conterranei Fabrizio Mangatia (Un carceriere) e Nicola Fenu (Sciarrone), oltre che per la giovanissima Giulia Delogu, che con grande spigliatezza ha risolto l’intervento del Pastorello all’inizio del terzo atto. Molti applausi anche per l’Orchestra dell’Ente Concerti, guidata dal direttore francese Guillaume Tourniaire in una partitura complessa e costellata di sfumature, e per il regista Giulio Ciabatti, oltre che per i costumi di Filippo Guggia e il disegno luci di Tony Grandi.La replica, che chiuderà la Stagione lirica 2017, è prevista per domani, domenica 10 dicembre, alle 16,30.

L'opera

Tosca

La tragedia della cantante Floria Tosca, del suo amato Mario Cavaradossi e del perfido barone Scarpia, un capolavoro del melodramma italiano, è un classico del teatro di Sassari, dove...

Articoli