Rassegna stampa

Medioevo in musica

SardegnaDies.it

Sassari. Una bella esecuzione dei “Carmina Burana”. Sabato e domenica con un doppio appuntamento al Teatro Comunale di Cappuccini con il capolavoro di Carl Orff, atteso a Sassari da ventisei anni e inserito per la prima volta nella Stagione lirica dell’Ente concerti “Marialisa de Carolis”. Ottima una volta tanto senza nessuna sbavatura l’Orchestra dell’Ente Concerti, diretta benissimo dallo spagnolo Jordi Bernàcer, che ha guidato ben 65 musicisti, tra cui molti giovani che hanno così scoperto la composizione ispirata agli antichi scritti medievali, che mettono insieme latino e tedesco medioevale. Molto buona anche la prova del Coro dell’Ente Concerti, 75 elementi tra soprani, mezzosoprani, tenori e bassi, guidati da Antonio Costa. Insieme a loro le 30 giovanissime voci bianche (tutte bambine, tranne uno) della Corale “Canepa” preparate da Salvatore Rizzu.Sfolgorante l’esecuzione della più nota delle “cantiones profanae”, “O Fortuna”, che apre e chiude la composizione. Eccellente la prova del baritono Fabio Previati (che in questa stagione lirica era stato Taddeo nell’“Italiana in Algeri”), convincente Aleksandra Kubas-Kruk (la Gilda nel “Rigoletto” di una settimana prima), affiancati da Ettore Agati, giovane controtenore cagliaritano. Un po’ inusuali gli applausi del pubblico tra un brano e l’altro, in particolare per “O Fortuna” e per gli altri più trascinanti. Grande l’entusiasmo finale, tanto che il direttore Bernàcer ha fatto eseguire un bis sabato (“Tempus est iocundum”, che vede il coinvolgimento di tutti i 170 artisti), diventati due domenica, con la riproposizione anche del tema più conosciuto, quello iniziale e finale.Un successo pieno insomma, che si è aggiunto all’entusiastico apprezzamento di sabato mattina, quando ottocento studenti accompagnati dai loro docenti avevano ascoltato i “Carmina” nell’Anteprima riservata alle scuole.

L'opera

Carmina Burana

Sono passati 26 anni da quando le note dei Carmina Burana di Carl Orff sono risuonate in un teatro sassarese, allora il Verdi. Torneranno il 17 e 18 novembre, per la prima volta inserite in una...

Articoli