Rassegna stampa

La genialità di Rota: mettere insieme Donizetti e Fellini

L´Unione sarda

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram

Una travolgente giornata degli equivoci di stampo francese amplificata dal divertissement musicale. Nell'opera “Il cappello di paglia di Firenze” il compositore novecentesco Nino Rota inserisce richiami alla grande musica italiana - Rossini, Puccini, Donizetti - ma fa balenare pure i temi delle colonne sonore per i capolavori di Federico Fellini. Il debutto assoluto in Sardegna dell'opera di Rota ha sorpreso, strappato qualche risata e diversi applausi al pubblico del Comunale di Sassari, nell'apertura della stagione del De Carolis. Il regista Lorenzo Maria Mucci ha spiegato: «Rappresentare un'opera di Rota, grande autore di colonne sonore, come un film in uno studio cinematografico d'altri tempi poteva sembrare una banalità: ma il “Cappello” è figlio del capolavoro del cinema muto di Renè Clair del 1927».La freschezza dell'opera è riflessa anche da un cast giovane, con molti sardi, dove il soprano cagliaritano Elisabetta Scano (Elena) è riferimento non solo per chi è stato suo allievo. Molto apprezzati anche per le doti comiche il basso Francesco Leone nel ruolo di Nonancourt, padre di Elena e suocero sospettoso, e il baritono Marco Bussi, Beaupertuis, il marito cornificato da Anaide, una efficace Ilaria Vanacore. Faticoso il ruolo del tenore Mauro Secci (e in alcuni passaggi ne risente): nei primi due atti è sempre in scena come Fadinard, promesso sposo di Elena alla caccia del cappello di paglia di Anaide, divorato dal cavallo, che è poi la causa scatenante della commedia con ritmi vorticosi. Cast completato da Marco Puggioni (Felice), Gianluca Moro (Vezinet), Aloisa Aisemberg (La baronessa di Champigny), William Hernandez (Emilio), Bruno Lazzaretti (Achille di Rosalba/Una guardia), Veronica Abozzi (La modista) e Fabrizio Mangatia (Il caporale). Federico Santi ha diretto con buon ritmo l'Orchestra e il Coro, preparato da Antonio Costa. Scene di Emanuele Sinisi, costumi di Massimo Poli e luci di Tony Grandi.

Giampiero Marras

L'opera

Il cappello di paglia di Firenze

Una deliziosa commedia in musica mai eseguita in Sardegna apre la Stagione lirica dell'Ente Concerti di Sassari, a quarant'anni dalla scomparsa del compositore Nino Rota, famoso soprattutto...

Articoli