Rassegna stampa

Il tabarro di Puccini

Toscana Eventi&News

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
di Fulvio Venturi
Emozione e tristezza a Sassari per la produzione del Tabarro che ha aperto la stagione dell’Ente Concerti Marialisa De Carolis al Teatro Comunale. La rappresentazione è stata preceduta da una prolusione del direttore artistico Stefano Garau e dalla esecuzione di Crisantemi, l’elegia che Puccini compose nel 1890 in memoria di Amedeo di Savoia poi momento ispirativo di alcuni passi del terzo e quarto atto di Manon Lescaut e che in questa occasione è stata dedicata alle persone che ci hanno lasciato e continuano a lasciarci a causa del virus covid-19. Si può fare cultura, e cultura vera, anche nei momenti più bui e, valore aggiunto per questa produzione, per la prima volta dopo il lock-down un teatro di tradizione realizzava uno spettacolo al chiuso. Regia di Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi (assistente Marina Dardani), scene Leila Fteita, costumi Silvia Bonetti, luci Tony Grandi, video Francesco Fei, questo allestimento, realizzato dalla Fondazione Arena di Verona e comunque inedito, si è avvalso dell’ottima direzione del giovane Marco Alibrando, al comando dell’Orchestra dell’Ente determinata come non mai, sia pure nella formazione ridotta a 36 elementi e fiati separati dal resto della compagine per il tramite di barriere di plexiglas, come nel caso della Rondine fiorentina. Nella intensa regia si muovevano i solisti, il gruppo vocale dell’Ente Concerti e i figuranti protetti da una bandana sul volto. Il cast molto omogeneo si è avvalso della professionalità e della qualità di Elia Fabbian (Michele), Susanna Branchini (Giorgetta), Luis Chapa (Luigi) protagonisti del triangolo amoroso sul quale si incentra la vicenda, nonché dagli interpreti dei numerosi altri personaggi, ovvero Martina Serra (La Frugola), Francesco Musinu (Il Talpa, che saluto caramente), Gianluca Sorrentino (Il Tinca, saluti anche a lui), Claudio Deledda (Un venditore di canzonette), Claudia Spiga e Paolo Masala (due amanti), quest’ultimo felicemente debuttante. Successo memorabile per i duecento spettatori ammessi in teatro e per la città di Sassari tutta. La presente nota sul Tabarro è stata possibile grazie alla visione remota consentita dalla trasmissione streaming dello spettacolo che comunque è stato registrato e sarà prossimamente trasmesso dalla tv satellitare Sky.

L'opera

Il tabarro

Il tabarro, Suor Angelica e Gianni Schicchi: il Trittico pucciniano, proposto per la prima volta con successo il 14 dicembre 1918 al Metropolitan di New York, torna a Sassari dopo 24 anni. Il tabarro...

Articoli